19 agosto 2016

Gli Knödel, o canederli tirolesi

E' un classico piatto inventato per riciclare gli avanzi: si tratta di grossi gnocchi fatti di un impasto di pane raffermo con aggiunta di latte o uova e insaporiti con speck, cotti in acqua salata.
Knödel canederli tirolesi
Le due preparazioni forse più diffuse sono quelle in brodo di carne e al gulasch. In
basso a destra il bancone di un noto negozio meranese: ai funghi, al formaggio, al
fegato, agli spinaci, agli asparagi, al farro.
Possono essere serviti con il brodo di cottura o anche "asciutti" e in questo caso sono di solito conditi con il burro fuso oppure "annegati" nel gulasch di carne.
Nel mondo tedescofono sono noti col nome di Knödel e il termine Semmelknödel indica il canederlo "germanico" cioè senza lo speck.
Speck che invece caratterizza il canederlo tirolese (il Trentino faceva parte del Tirolo storico e l'esistenza di un "canederlo trentino" è una semplice invenzione del marketing attuale).
Knödel canederli tirolesi
Canederli asciutti: Semmelknödel, Knödel con il burro fuso e Knödel con il cavolo cappuccio crudo, ormai rari.

Nessun commento:

Posta un commento