18 ottobre 2016

La raccolta delle castagne

Tra il fondovalle e i masi alti si estendeva una larga fascia altimetrica, che arrivava fino agli 800-900 metri, dove era possibile la coltivazione del castagno.
caldarroste castagne
Tra i primi di ottobre e l'inizio dell'avvento certi masi, i cosiddetti Buschenschänke,
erano autorizzati a vendere il vino novello di loro produzione. Nei Buschenschänke
(che somigliano, come usanza, alle osmize slovene) il vino novello s'accompagnava
a piatti prodotti nel maso: la zuppa d'orzo, la carne in salamoia, i famosi canederli
tirolesi
, per finire con le frittelle dolci e le caldarroste, mangiate nel caldo riparo del-
la Stube tirolese e affogate nel vino nuovo.
Senza avere lo stesso peso economico rivestito nell'Appennino, anche qui la castagna era entrata nel ciclo alimentare dei contadini.
La consumavano cotta alla fiamma oppure seccata e fatta rinvenire nel latte, oppure sotto forma di farina.
La raccolta, che era piuttosto macchinosa e anche pericolosa, viste le dimensioni della pianta, avveniva d'autunno e si accom-pagnava a feste conviviali legate alla contemporanea lavorazione del vino nuovo.
In Sudtirolo era radicata l'usanza del Törggelen, un termine che deriva da "torchio" e allude alla spremitura e fermentazione dell'uva.

Nessun commento:

Posta un commento